>                        www.mortalbike.it www.sonoidrico.it www.onanisti.it www.straniumani.it www.ifixtcentcen.it sarei.io miao.be.bau.mu

L'Assassinio del Mondo - Jean-Pierre Simenon

E-mail Stampa

Traduzione Giancarlo Sissa - ( contributo di obtorto )


Se uccidete le fonti

se strangolate i fiumi

voi non berrete piu'

se non alla vacuità del vento


la vostra lingua cadrà

con l'erba secca

e ben presto non avrete che sabbia

nei ruscelli delle vene


Se sgozzando le foreste

voi strappate a ogni albero

un pò dell'anima umana

voi perderete per sempre

l'idea stessa della primavera

e l'innocenza dei passi

in un cammino di foglie


e quando avrete bruciato

la stoffa blu del cielo

non avrete piu' mattini

per rinfrescare il giorno

solo vi resternanno fra le mani

luci morte


e quando avrete mescolato a ogni onda

il fetido sudore delle fabbriche

gli escrementi dei vostri sogni

con che diritto vi stupirete

se il mare non sarà pieno

che delle vostre lacrime?


quando vedrete la neve

e la sua ala di silenzio

dissolversi per sempre

sotto i vostri occhi

quando setaccerete in ginocchio

la pietra e la cenere

per ritrovare il profumo

il profumo soltanto

dei frutti scomparsi

quando avrete, uomini, annodato

al collo della terra

la sua collana di agonie


uomini, voi vi rivolgerete

verso voi stessi

e vedrete cadere dalle vostre dita

una polvere fredda

e in essa riconoscerete

il vostro volto


e comprenderete allora

improvvisamente troppo tardi

che uccidendo le fonti il cielo e l'onda

uccidendo la neve uccidendo l'albero

era il vostro stesso volto

che condannavate a morte


allora uomini, penserete

nella vostra notte deserta

nella vostra notte atroce

alla dolcezza lontana

alla grande dolce forza

che vestiva il mondo

e in piedi

soli

atteriti

bambini smarriti

nello splendore rovinoso dei paesaggi

uomini voi vi maledirete